giovedì 22 gennaio 2009

Gli Stati Spia

Questa è una di quelle notizie alquanto sconcertanti perchè ci mettono in uno stato di quasi ambiguità,nel senso che non sapremmo mai poter definire veramente quanto tutto ciò sia etico e legale per ciascuno di noi.......e se e quanto,soprattutto, può tutto ciò,effettivamente influire sul nostro modo di essere......Lascio a voi la parola.............

Gli stati spia

La direttiva Europea 2006/24/CE sull’archiviazione dei dati ( data retention) è in attesa di essere recepita nell’ordinamento italiano, questo ordinamento prevede che i dati delle connessioni internet cosi come lo scambio di mail , chiamate dal cellulare dovrebbero essere raccolte in banche dati.Non viene fatta nessuna differenza tra innocenti e sospetti, quindi in sostanza vengono registrati i dati di tutti,anche se solo le autorità preposte possono accedere a questi dati per effettuare dei controlli in ambito di una indagine.I paesi Europei, hanno già adeguato le loro leggi, il servizio segreto Svedese da giugno può già controllare lo scambio mail che passa attraverso le linee svedesi, non solo memorizza i dati ma ne analizza il contenuto.Oltre alla Svezia in base ad uno studio di privacy International Gran Bretagna e Francia sono i principali paesi spia dell’Europa , dall’altro capo del mondo l’Australia addirittura promuove un nuovo modello di archiviazione dati che prevede il controllo dei dati finanziariEntro la fine del 2009 nel Queensland australiano quasi 480.000 studenti dovrebbero essere schedati nella banca dati OneSchool con foto, contatti, ma anche informazioni personali.Insomma il Grande Fratello politico incomincia a bussare anche alle porte Italiane.

2 commenti:

Veggie ha detto...

Posso capire che si tratta di una misura tutelativa, ma mi pare un pochino eccessivo...

Anonimo ha detto...

Questo presumo sia lo scotto che dobbiamo pagare come risarcimento per avere una vita un pò più tranquilla in rete.