lunedì 15 febbraio 2010

Io Canto: dove arriverà il talento di Cristian Imparato?

Technorati Tag: ,,
Provided by Trendystyle.it

Interpretazione memorabile di New York New York.cristian-imparato

La puntata del 13 febbraio di Io Canto ha riportato il programma di Gerry Scotti al primo posto dell’Audience del sabato sera, ma soprattutto ha segnato l’ennesima vittoria di Cristian Imparato, il giovanissimo cantante palermitano che ormai è diventato una vera leggenda della tv italiana.

Gli ospiti della serata sono stati i cantanti Claudio Baglioni e Michele Zarrillo, che hanno proposto alcuni loro cavalli di battaglia: il primo ha intonato ‘Sabato pomeriggio’ e ‘Questo piccolo grande amore’, mentre il secondo ha riproposto ‘Cinque giorni’ e ‘Una rosa blu’.

Ma il vero protagonista della puntata è stato lui, Cristian Imparato, che ha regalato al pubblico in sala e a casa un altro piccolo capolavoro, un’interpretazione straordinaria di New York New York che, a detta di molti, fa venire i brividi come accadeva a suo tempo con il grande Frank Sinatra.

Il conduttore Gerry Scotti ha definito Cristian la ‘perla’ di Io canto ed un estasiato Claudio Cecchetto ha dichiarato che il talento e il successo di Cristian sono ormai una “questione mondiale”.

E come non essere d’accordo? In ogni nuova puntata del programma, Cristian regala performances sempre più convincenti, lui è l’idolo del pubblico (non a caso anche ieri sera ha trionfato nella sfida al televoto), i video con le sue interpretazioni sono scaricatissimi su internet e c’è chi dice che presto il giovane potrebbe varcare davvero i confini italiani e diventare una star a livello internazionale.

Dal canto suo, il tredicenne palermitano dall’ugola d’oro cerca di restare con i piedi per terra, ma siamo sicuri che prima o poi non spiccherà davvero il volo?

Intanto, grazie agli ottimi dati di ascolto e al successo dei suoi piccoli  protagonisti, Canale 5 ha deciso di fare un bellissimo regalo ai fans del programma, allungando la messa in onda di Io Canto fino al 20 marzo. Insomma, ne sentiremo ancora parlare a lungo...

Nessun commento: