sabato 24 marzo 2012

Dimenticare

0calguisportrait1249 

Ricordi? Quante lacrime versate…quanta pena e disperazione e quel senso d’impotenza e solitudine?

Eppure ci sei riuscita col tempo….hai dimenticato.

Nonostante il dolore, nonostante lo strappo, nonostante il dualismo maledetto di Amore e Odio, di Vita e Morte.

Nonostante le promesse fatte e scambiate, quelle non dette ma estorte oppure solo insinuate.

Nonostante le gioie e i dolori condivisi e i progetti seri su un futuro sempre migliore basato sui solidi principi di lealtà, fiducia,rispetto…….Niente.

Eppure Dimentichiamo.

Inizialmente, lo avvertiamo stentatamente sotto forma di un lento e tenero rilascio del patimento, poi con un allontanarsi nel tempo di un'immagine che gradualmente diventa sempre meno nitida nella nostra memoria, fino a dileguarsi quasi del tutto.

Difatti, la fase iniziale coincide spesso con la scomparsa degli odori con in seguito il timbro e suono della sua voce, mentre di pari passo si diradano sempre più sogni e incubi associati a quell’immagine che tanto aveva contato nella tua vita e alla quale avevi dato un valore forse troppo eccessivo rispetto alla tua.

Intanto lentamente passano le ore, e poi i giorni, e poi i mesi…fino a quando non li conti più.

Solamente se, un evento qualsiasi ti riporta al passato ti rendi conto, in quel preciso istante che qualcosa è cambiato in te, perché non lo hai più pensato o ricordato….Cosa migliore non hai più versato una lacrima.

Da quant'è che non piangi? Da quando la sua mancanza non ti corrode più il cuore? Quand’è che impercettibilmente, passo dopo passo, hai ricominciato a camminare da sola, a guardarti intorno e a vivere la tua vita con un'aspettativa, una qualsiasi, ma nuova ed appassionante?

Ebbene sì…..Dimentichiamo.

E purtroppo a tutti, pietosamente ed amorevolmente, sembra naturale.

O per lo meno: tutti affermano che è comprensibile, umano, giusto.

Una coltre di dolci sorrisi, di sorrisi freddi, di apparente allegria.

Dimentichiamo è vero ma nel mentre, forse, non ci accorgiamo che dimenticare rimane comunque un altro dramma, un'altra perdita…un altro detrimento.

Un'altra morte.

Rosa appassitaPiaRosa appassita

Nessun commento: