giovedì 18 dicembre 2008

SINTOMI DA NON SOTTOVALUTARE

Technorati Tag:

Qua934_188x180_malessere[1]ndo c’è qualcosa che non va il corpo manda dei segnali d’allarme, e mentre alcune persone si precipitano dal medico al più piccolo accenno di malessere, altri non lo consultano neanche quando servirebbe. Ci sono però dieci importanti sintomi, come riportato dal Mayo Clinic Women Health Source, che neanche i più "allergici" allo studio del medico possono ignorare:

Inspiegabile perdita di peso: se non è intenzionale e se è pari al cinque per cento del peso corporeo in un mese o del dieci per cento in sei-dodici mesi è il caso di preoccuparsi; potrebbe essere dovuta a problemi alla tiroide, al fegato, depressione. Febbre costante per giorni, o improvvisamente molto alta; in entrambi i casi va presa molto sul serio e sottoposta tempestivamente all’attenzione del medico. Improvviso insopportabile mal di testa; può essere dovuto a un aneurisma, a un ictus, a un’infiammazione dei vasi cerebrali, a una meningite... Difficoltà a vedere, parlare o muoversi; sono sintomi di un cosiddetto “mini-infarto”, ovvero un attacco ischemico transitorio, che può durare anche solo pochi minuti. Cambiamenti del seno: noduli, perdite, pruriti o cambiamenti della pelle devono essere sempre fatti esaminare da un medico. Perdite vaginali di sangue dopo la menopausa: possono indicare cambiamenti nel tessuto, in ogni caso vanno segnalati. Cambiamenti nelle abitudini intestinali: diarrea di una settimana, stitichezza di un paio di settimane, perdita di sangue possono essere sintomi di infezioni, disturbi digestivi o problemi più seri. Sentirsi subito sazi: può indicare una serie di problemi gastrointestinali di diversa natura. Se il senso di ripienezza persiste per giorni ed è seguito da dolori, nausea, vomito o febbre va assolutamente segnalato. Tosse persistente: dopo un mese di tosse che influenza il sonno o è accompagnata da sangue la visita dal medico è inevitabile. Tra le possibili cause vi sono asma, reflusso gastroesofageo, infezioni respiratorie, bronchite cronica...Tristezza e cattivo umore: sentirsi tristi per settimane o mesi è sintomo di depressione. Altri segnali sono perdita di interesse nella vita quotidiana, propensione al pianto, desiderio di morire.

Fonte: Mayo Clinic

Nessun commento: