domenica 8 marzo 2009

Castagne e calvizie - Coincidenza o Verità

Di seguito pubblico un articolo scritto in collaborazione con un maestro dell'acconciatura che di certo ne sa abbastanza per consigliare al meglio in tema di capelli, problema questo che riguarda un po' tutti noi e che sicuramente fa sempre bene saperne di più, pur essendo lontani dalla stagione incriminata.

Castagne e calvizie - Coincidenza o Verità

pppp23Cosa ci sia di vero tra il frutto emblema dell’ autunno e l’incremento della caduta dei capelli, nessuno credo lo sappia veramente . Leggende popolari sulle cause e rimedi della calvizie sono arrivate sino a noi tramandate dai nostri nonni . Ancora oggi si utilizzano infusi , decotti , impacchi e ricette varie sperando di rimediare all’annoso problema estetico prima di ricorrere a cure farmaceutiche costose anche se a volte poco credibili.

Si associa , probabilmente , il cadere delle foglie con quello dei capelli per similitudine del movimento di caduta, ma l’intensificarsi nel periodo autunnale, soprattutto nell’uomo ,è solo coincidenza . Se fossero caduti in primavera avremmo associato il fenomeno ai petali delle rose , e cosi via.

Innanzitutto i capelli sia maschili che femminili cadono sempre , tutti i giorni, tra gli 80 e 100 circa , per effetto di un ricambio naturale . La vita di un capello varia dai 4 ai 6 anni circa e al termine della sua vita viene sostituito da uno nuovo .

Questo problema interessa il 48% dei maschi ed ''entrare a far parte dei calvi significa non avere speranza di uscirne''. La perdita dei capelli ha diverse motivazioni, dalla componente genetica alla produzione ormonale, dall'età allo stress, ad una cattiva alimentazione, ad un'alterazione della funzionalità epiteliale. Se in qualche modo è possibile limitare i danni dovuti a situazioni contingenti come lo stress, l’ alimentazione, ecc., è certamente più complicato nelle situazioni legate a fattori come l'età o le caratteristiche genetiche

Quando parliamo di genetica in relazione ai capelli parliamo di testosterone, l’ ormone maschile e il responsabile della calvizie androgenetica, l’enzima “ 5 –alfa-reduttasi “ che ne trasforma una parte variando l’aggressività e attività, creando il DHT. Quest’ultimo provoca nel tempo la caduta in quanto” tossico” per i follicoli . Contrastare l’enzima in questione è possibile con prodotti farmaceutici come il Minoxidil e Finasteride farmaci capaci di inibire il 5-alfa-reduttasi e quindi abbassare il livello di DHT per ripristinare una fase di crescita di nuovi capelli .

Un altro inibitore dell’enzima è la Serenoa Repens ,sostanza estratta da un palmetto di origine sudamericana , molto considerata per mancanza di effetti invasivi durante la cura .Attenti dunque a non spendere soldi inutili per prodotti che non menzionano niente di tutto questo , perché non riavrete mai i capelli caduti , ma potrete al massimo mantenere ciò che vi rimane in testa migliorandone l’aspetto e la vitalità . In commercio oltre a shampoo, lozioni o balsami e trattamenti di ogni genere e prezzo, vi sono anche gli integratori alimentari , prodotti che danno buoni risultati svolgendo una azione antiossidante e nutriente con apporto di sostanze utilissime alla struttura del capello e del cuoio capelluto.

Mangiate le castagne ……osservate il cadere delle foglie dai colori caldi ………per la salute dei capelli rivolgetevi a un dermatologo o ad un parrucchiere informato.

Autore: Metelli Ernesto

1 commento:

Cristina ha detto...

ciao Fede, un bacio e buon inizio settimana