mercoledì 17 ottobre 2012

SOLITUDINE COME SORGENTE D’AMORE

00ik4e5b51662

E’ bene tener presente che, indipendentemente dal numero delle persone che ci amano, ci circondano, hanno a cuore il nostro benessere e la nostra serenità, di fatto noi siamo veramente soli.

Nessuno, per quanto possa esserci vicino, può comprenderci perfettamente, capire le nostre paure, le nostre speranze, i nostri sogni.

Siamo ignoti perfino a noi stessi, e molti trascorrono l’intera vita nel tentativo di comprendere la loro vera essenza.

Tale estraniazione può diventare fonte di grande solitudine, ma non è detto che sia sempre così.

In realtà essa ci offre il destro di affrontare le nostre paure attraverso un processo di autorivelazione.

Noi sapremo davvero chi siamo solo quando vorremo scavare nei recessi più profondi del nostro io.

Altri scopriranno chi siamo solo quando ci arrischieremo a dischiuderci.

E’ un compito arduo, in continuo divenire. Attraverso l’accettazione della nostra solitudine, possiamo finalmente intuire l’autentico peso dell’amore e il motivo per cui vivere senza amore non è davvero possibile.

(Leo Buscaglia)

Nessun commento: