giovedì 15 ottobre 2009

Parla Walter Mazzocchi, INGV Le faglie attive dal Gran Sasso ai monti di Cassino

Technorati Tag: ,

Il professor Warner Marzocchi (Ingv): "La zona di Cassino è quella più preoccupante: la crisi sismica in atto è particolarmente attiva". Ecco le venti super-faglie attive nell'Italia centrale.image

Viaggio nei terremoti preistorici sul tetto degli Appennini: quattro cataclismi fortemente energetici negli ultimi 20 mila anni. Gli scienziati invitano a considerare le faglie-madri come strutture attive primarie, responsabili di terremoti di magnitudo superiore a 6.5° Richter.

Tuttavia le faglie quaternarie come quelle del Gran Sasso, dei Monti della Laga e dei Monti Gemelli, possono istantaneamente rilasciare energie centinaia di volte più forti del terremoto 6.3° di L'Aquila. Inventario delle faglie attive e dei terremoti ad esse associabili. L'orogenesi appenninica continua.

Il G10 dei sismologi a L'Aquila:"Procedere verso una previsione probabilistica con rotture basate su faglie, del tipo dei modelli di pericolosità sismica per il Giappone e gli Stati Uniti, potrebbe migliorare la previsione probabilistica indipendente dal tempo".

(di Nicola Facciolini)

per chi volesse saperne di più vi invito a visitare questo sito: abruzzo24ore

Nessun commento: